Tour 07/12/2019

TOUR DA URBINO A GUBBIO KM 260

150 €

L’itinerario percorre 260 Km. circa.

Il check-in è previsto a URBINO alle 9,00 nel parcheggio di Piazza Mercatale, dove vi sarà consegnato il Welcome Kit di Terra di Piloti e Motori, ( zaino, T- shirt, adesivi e mappa dei 13 giri nella regione Marche),

URBINO fù uno dei centri più importanti del Rinascimento italiano; dal 1998 il suo centro storico è patrimonio dell'umanità Unesco. Il Palazzo Ducale, residenza del 400 del duca Federico da Montefeltro, è sede della Galleria nazionale delle Marche. Nell'Oratorio di San Giovanni è possibile ammirare un imponente ciclo d'affreschi rappresentante la Crocifissione di Cristo e la Storia della Vita di San Giovanni Battista, considerato uno dei più importanti esempi dello stile gotico internazionale. La Fortezza Albornoz venne eretta tra il 1367 e il 1371 e ospita al suo interno il museo “Bella Gerit”, con reperti archeologici e un’area riservata alla storia dell’equipaggiamento da guerra in uso tra il 1300 e il 1500.

Lasciando Urbino percorreremo una bellissima strada molto amata dai motociclisti per le sue piacevoli curve “Le Capute” che ci porteranno ad Urbania definita “La Signora del Metauro” è una cittadina ricca di tesori di arte, storia e natura. Il Palazzo Ducale, fu edificato sopra una rocca duecentesca pre_esistente appartenente alla famiglia dei Brancaleoni e poi ristrutturato dall’Architetto militare Francesco di Giorgio Martini nel 1470.  Fu allo stesso tempo Fortezza e Palazzo di Corte e una delle residenze dei Duchi di Urbino. Oggi il palazzo ospita il Museo Civico che raccoglie una ricca collezione di ceramiche antiche e contemporanee, una collezione di 50 incisioni dell’ultima generazione di incisori delle Marche e una pinacoteca con dipinti del XVI e XVII secolo di artisti marchigiani e non solo, tra cui anche La Madonna delle nuvole del Barocci. Degna di nota anche “Il corteo trionfale di Carlo V” del pittore e incisore Nicola Hogenberg (1530) di 12 metri. La Chiesa dei Morti è un luogo più unico che raro e si trova proprio nel centro storico di Urbania. Molto affascinante il portale gotico che permette l’accesso nella chiesa nota come il “Cimitero delle Mummie”. Dietro all’altare maggiore si trovano i corpi di 18 persone mummificate naturalmente, ognuno con una propria storia. Il luogo è noto per il curioso fenomeno della mummificazione naturale, dovuto ad una particolare muffa che ha permesso la conservazione.

Attraverseremo Sant'Angelo in Vado ha origini medievali, è sorto sulle rovine della romana Tiphernum Mataurense, antico municipio distrutto durante la guerra gotica. L'abitato medievale fu dedicato all'Arcangelo Michele e definito 'in Vado' dal guado lungo il Metauro. Il centro storico è ricco di bei monumenti di varie epoche: dal 300 a.C. al 700 Poco lontano dal complesso chiesastico di San Francesco, nell'area del Campo della Pieve, sorge la "Domus del mito", il più importante ritrovamento archeologico venuto alla luce negli ultimi 50 anni. Eretta verso la fine del I° secolo d.C., è ampia circa 1.000 metri quadrati e impreziosita da un ricco complesso di mosaici. Sant'Angelo in Vado è conosciuta in tutto il mondo per la produzione spontanea del Tartufo Bianco pregiato e del tartufo nero estivo, dove nelle ultime tre settimane di ottobre e nella prima di novembre si tiene la Mostra Nazionale del tartufo Bianco alla quale è abbinato un motoraduno alla sua 40° edizione che richiama circa 3000 motociclisti ogni anno. Nei pressi di Sant’Angelo in Vado ci fermeremo per una breve sosta degustazione.

Ripartiremo in viaggio direzione Lamoli,  Bocca Trabaria fino al Lago di Montedoglio dove ci fermeremo per il pranzo.

Rifocillati e rilassati dai dolci panorami offerti dal lago riprenderemo il nostro viaggio verso  AREZZO, città toscana ricca di storia, dove troviamo la Chiesa di Santa Maria della Pieve, situata nel centro storico, tra corso Italia e piazza Grande. Ubicata sulla sommità del colle dove sorge la città, troviamo la Cattedrale dei Santi Pietro e Donato, principale luogo di culto cattolico; è posta sul sito di una chiesa paleocristiana nel luogo dove anticamente sorgeva l'acropoli cittadina. Il Museo statale d'arte medievale e moderna di Arezzo è situato nel Palazzo Bruni-Ciocchi, e ospita dipinti, maioliche e oggetti in vetro di epoca medievale e rinascimentale.

Proseguiamo in direzione Castiglion Fiorentino e poi TUORO sul Trasimeno in provincia di Perugia Si affaccia sulla parte settentrionale del Lago Trasimeno, dove è presente una spiaggia, il lido di Tuoro, con il molo d'imbarco per i traghetti diretti all'Isola Maggiore e all'Isola Polvese , che andremo a visitare. La città di Tuoro sul Trasimeno è passata alla storia come teatro di una delle più sanguinose battaglie dell’antichità: la Battaglia del Trasimeno, una delle più importanti della Seconda Guerra Punica, che vide la sconfitta dell’esercito di Annibale che è un museo a cielo aperto.

LAGO TRASIMENO  è, il più esteso lago dell'Italia centrale, quarto tra i laghi italiani subito dopo il lago di Como. La campagna circostante il lago si presenta come un anfiteatro collinare che ne incornicia la superficie di 128 km ².

Lasceremo il Lago e ci sposteremo in direzione di Gubbio, cittadina medievale della provincia di Perugia. Fa parte della Comunità Montana Alto Chiascio, dell'Associazione nazionale città del tartufo e dell'Associazione italiana città della ceramica. Il Palazzo Ducale, detto anche Corte Nuova, fronteggia il duomo di Gubbio e fu fatto costruire dal duca di Urbino Federico da Montefeltro nel 1470, in stile rinascimentale, su preesistenti costruzioni medievali. Il palazzo si distingue per la finezza architettonica e la ricercatezza delle decorazioni. Continueremo a divertirci guidando per il Passo della Scheggia fino giungere a Frontone, Il suo castello è l’ultima rocca del ducato di Montefeltro tra il ‘400 e il ‘500 dalla sua posizione si gode di un suggestivo panorama sul Monte Nerone e sulla Repubblica di San Marino.

Lasciandoci Frontone alle spalle ci avvieremo verso la nostra ultima tappa Pergola, cittadina che è stata inserita tra i borghi più belli d’Italia dall’associazione omonima, territorio in equilibrio tra montagna e mare, che vanta paesaggi di indubbia bellezza, un clima dolce e i segni di una storia molto antica. Fa parte di un territorio, la Val Cesano, che ha ospitato insediamenti sin dalla preistoria, come testimoniano reperti neolitici e tracce lasciate successivamente dagli etruschi e dai celtici. Tra le cose da vedere, il posto d’onore lo occupa il Duomo. Dopo una giornata ricca e intensa di emozioni, rifocillarsi con una buona cena, a base di prodotti tipici locali si rende quasi indispensabile, magari accompagnato da vini della zona

La quota di partecipazione è di €. 150,00

comprende:

il Welcome Kit (T-shirt, zaino, mappa con 13 moto giri delle Marche, adesivi), accoglienza ad Urbino, 1 degustazione, 1 pranzo, tratta A/R del traghetto per isola Maggiore, 1 cena, la giuda motociclistica.

Possibilità pernottare a Pergola, Terra di Piloti e Motori fornisce assistenza sulla scelta delle strutture ricettive convenzionate comunicandolo all’associazione in tempi congrui.

Info: r.rossini@terrapilotimotori.it

Phon. +39 320 903 8402

Per favore,
accetta i cookie di marketing
per guardare questo video